Lo scioglimento del permafrost nelle regioni artiche costerà 70 trilioni di dollari

Il rilascio di metano e anidride carbonica dallo scongelamento del permafrost accelererà il riscaldamento globale e costerà fino a 70 trilioni di dollari sulla bolletta climatica del mondo, secondo lo studio più avanzato delle conseguenze economiche di uno scioglimento dell’Artico.

Se i Paesi non riescono a migliorare gli impegni assunti a Parigi, questo meccanismo di feedback provocherà un’amplificazione quasi del 5% del riscaldamento globale e dei relativi costi, dice il documento, che è stato pubblicato su Nature Communications.

Gli autori affermano che il loro studio è il primo a calcolare l’impatto economico dello scioglimento del permafrost e della ridotta albedo – la capacità di una superficie di riflettere la luce senza essere assorbita – basata sui modelli informatici più avanzati di ciò che è probabile che accada nell’Artico mentre le temperature aumentano.

Sono state valutate le scorte conosciute di materia organica congelata nel terreno fino a 3 metri di profondità in più punti dell’Artico. Questi sono stati elaborati attraverso il software di simulazione più avanzato al mondo negli Stati Uniti e presso il “Met Office” del Regno Unito per prevedere quanto gas verrà rilasciato a diversi livelli di riscaldamento. Anche con i supercomputer, la mole di dati ha richiesto settimane per essere elaborata perché la vasta geografia e le complesse interazioni climatiche dell’Artico generano più variabili. I ricercatori hanno quindi applicato i precedenti modelli di impatto economico per valutare i costi probabili.

Lo scioglimento del permafrost è la preoccupazione principale. I gas a effetto serra hanno già iniziato a sfuggire all’attuale livello di 1 grado del riscaldamento globale. Finora l’impatto è minimo. Dieci gigatonnellate di carbonio sono state rilasciate dal permafrost, ma questa fonte di emissioni crescerà rapidamente quando le temperature saliranno oltre l’1,5° C.

Al ritmo attuale di almeno 3° C di riscaldamento entro la fine del secolo, si prevede che lo scioglimento del permafrost emetta fino a 280 gigatonnellate di anidride carbonica e 3 gigatonnellate di metano, che ha un effetto climatico 10-20 volte più forte della CO2.

Ciò aumenterebbe gli impatti del clima globale di 70 trilioni di dollari tra oggi e il 2300, ed aumenterebbe anche la disuguaglianza globale perché la maggior parte del carico economico – equivalente a quasi l’intero PIL annuale del mondo – è probabilmente a carico dei Paesi nelle regioni più calde e più povere come l’India e l’Africa, che sono più vulnerabili e sensibili ad un aumento delle temperature.

2019-04-26T12:14:41+00:00 26 Aprile 2019|Cambiamenti Climatici, News|