Aumentano le ondate di calore anche negli oceani

Aumentano le ondate calore negli oceani, +54% nell’ultimo secolo

Le ondate di calore marine continuano ad aumentare di frequenza e durata in molte parti del mondo, specialmente attorno all’Australia. Lo indica una ricerca di scienziati internazionali guidata dal Climate Change Research Centre, University of New South Wales, secondo cui il numero di giorni di ondate di calore per anno è aumentato globalmente di ben il 54% nell’ultimo secolo

I dati sono stati calcolati usando registrazioni di temperature della superficie marina da siti e satelliti operanti da lungo tempo. “Abbiamo assistito a una tendenza crescente nella frequenza e nella durata delle ondate di calore e il trend è accelerato attraverso gli ultimi 30 anni”, scrive Lisa Alexander del Climate Change Research Centre, principale autrice dello studio pubblicato nell’ultimo numero di Nature Communications.

Piuttosto che un precursore, il numero di giorni di ondate di calore potrebbe essere una sottostima di ciò che verrà con il riscaldamento del pianeta, avverte la professoressa Alexander.

“Potremo assistere a un’ulteriore accelerazione, come abbiamo assistito di recente”. Episodi di caldo estremo sulla terraferma sono stati studiati più accuratamente di quelli sotto le onde. Gli oceani però non solo assorbono circa il 93% del calore addizionale catturato dai livelli crescenti di gas serra, ma sono anche il principale elemento motore del clima terrestre.

“Per nostra fortuna abbiamo gli oceani come massiccio dissipatore sia di calore, sia di anidride carbonica, ma anche gli oceani stanno cambiando, cosa che si tende a trascurare”, avverte Alexander. Gli oceani sono paragonabili ai tropici, aggiunge, dove le temperature tipicamente si muovono entro una gamma ristretta. Anche aumenti moderati perciò possono avere forti impatti sull’ecosistema e quindi sugli esseri umani.

Lo studio, che definisce le ondate di calore come almeno cinque giorni consecutivi in cui le temperature sulla superficie marina rimangono al 10% massimo di calore per un periodo di 30 giorni, riporta che tali eventi sono stati in aumento nella maggior parte delle regioni del mondo. Fra queste l’Australia, il Pacifico settentrionale e l’Atlantico settentrionale. Benché lo sbiancamento dei coralli causato da lunghi periodi di calore nella grande barriera corallina australiana e altrove abbia attratto attenzione internazionale, molte altre regioni hanno subito “impatti ecologici ed economici sostanziali”, con conseguenze dannose sulle industrie della pesca e del turismo, aggiunge la climatologa.

Climate Change Research Centre, New South Wales

2018-05-08T12:09:31+00:00 8 Maggio 2018|Cambiamenti Climatici, News|